Biting Off A Little Too Much – Capitol Reef to Valley of the Gods via Canyonlands and Arches in One Day!!

Standard

Setting off on a LONG day of driving from our little cowboy cabin towards Valley of the Gods near Monument Valley, we knew that we would be seeing some amazing sights along the way.  The scenery along the road was actually quite different from what we had seen so far and, sad to say, kind of dull.  We passed some “capitol dome” rock formations and moon type landscapes which were pretty and interesting at first, but got monotonous pretty quickly.

In partenza per una lunga giornata guidando dalla nostra cabina cowboy verso Valley of the Gods vicino a Monument Valley, sapevamo che ci aspettava dei meravigliosi panorami lungo la strada. Il paesaggio era in realtà molto diverso da quello che avevamo visto finora e, purtroppo, un po ‘noioso. Passammo alcuni “Capitol dome” formazioni rocciose e paesaggi lunari che erano al principio belli ed interessanti, ma che sono diventati monotoni piuttosto velocemente.

After a few hours of driving, we arrived at the turnoff for our first destination:  Dead Horse Point State Park near Canyonlands.  30 miles of “country” roads with cows and calves roaming free in the fields and on the roads leads you to this magnificent park overlooking the great Colorado River over 2000 feet below.

Dopo alcune ore sulla strada, siamo arrivati al uscita per la nostra prima destinazione: Dead Horse Point Park vicino a Canyonlands. 30 miglia di strade di campagna con mucche e vitelli che viaggiavano in libertà nei campi e sulle strade ci porto`a questo magnifico parco con viste del grande fiume Colorado 2000 metri più sotto di noi.

Once inside the park, travel all the way to THE Dead Horse Point which is at the end of a narrow neck of land, with drops of MANY feet down to the river.  The legend of Dead Horse Point is a sad one, but I’m sure you can guess how it got its name.  Cowboys would round up wild mustangs and corral them onto this narrow piece of land with branches and brush and precipitous cliffs keeping them in.  They would then choose those horses which they wanted and leave the rest behind to die of thirst.  It’s sad to think how many poor horses lost their lives here.

Una volta all’interno del parco, procedi fino al Dead Horse Point che si trova alla fine di una stretta lingua di terra con precipizi severi fino il fiume tanti piedi sotto di te.  La leggenda di Dead Horse Point è una triste, ma sono sicura che puoi intuire come e arrivato il proprio nome. Ai tempi passati, i Cowboy arrotondavano i mustang selvaggi e li recintavano su questa stretta lingua di terra con rami e cespugli e rocce scoscese per tenerli dentro. Sceglievano quei cavalli che volevano e lasciavano il resto a morire di sete. E ‘triste pensare a quanti poveri cavalli hanno perso la vita qui ..

Trying not to think of this tragic story, we took in the absolute beauty and majestic views.  There are many great climbing rocks all over the area, but be careful because there aren’t any railings to hold you in!  We sat on one of the rocks, with feet dangling off the edge, and enjoyed our Subway sandwiches which we had picked up in Green River.  If you want some amazing photo shots, stand on top one of the buttes here – it truly looks like you are standing at the top of the world.  It’s not as scary as it looks as there are rocks not that far below you on which you can stand, but if you position the camera just right, it can make for some pretty awesome shots!

Cercando di non pensare a questa tragica storia, abbiamo guardato la bellezza assoluta e la splendida vista. Ci sono molti grandi rocce arrampicata in tutta la zona, ma fate attenzione perché non ci sono ringhiere per tenervi dentro! Ci siamo seduti su una delle rocce, con i piedi penzoloni dal bordo, e abbiamo apprezzato i nostri panini da Subway che avevamo raccolto in Green River. Se desiderate alcuni scatti di foto sorprendenti, arrampicate al cima dei sassi – sembra veramente come si sta in piedi in cima al mondo. Non è così spaventoso come sembra perche ci sono rocce che non sono lontani sotto in cui potete appoggarvi.  Se si posiziona la fotocamera giusta, si può fare alcuni scatti impressionante!

From this point, we headed towards Islands in the Sky – a part of Canyonlands with views that stretch from the Green and Colorado Rivers below to the mountaintops above.  Over 100 miles can be seen across canyon after canyon.  Islands in the Sky is a broad mesa wedged between the two rivers and called the observation tower of Canyonlands.  Our first stop to explore was a hike to Upheaval Dome.  The hike was hot and dusty, but it led to an interesting spot with some other “top of the world” type scenery.  Upheaval Dome is actually more of a crater than a dome, and its creation has been deemed to have been from a meteor hit, with erosion causing today’s jagged edges. From here we went on to explore other stops with views of the Green River corkscrewing its way very far below us.  The most memorable were the Grand View Overlook which had some beautiful rock formations and a 1 mile rim walk, and Shafer Overlook with some beautiful canyon vistas.

Da questo punto, ci siamo diretti verso Islands in the Sky – una parte di Canyonlands, con viste che si estendono dai fiumi Green e Colorado fino il cime delle montagne. Oltre 100 miglie possono essere viste attraverso canyon dopo canyon. Islands in the Sky è un’ampia “mesa” incastrata tra i due fiumi e chiamato la torre di osservazione di Canyonlands. La nostra prima tappa è stata ad esplorare il sentiere che porta al’ Upheaval Dome. La passeggiata era calda e polverosa, ma ha portato ad un punto interessante con ancora un scenario del “tetto del mondo”. Upheaval Dome è in realtà più un cratere che una cupola, e la sua creazione è stata giudicata di essere stata colpita da un meteorite, con l’erosione che ha scolpito i bordi frastagliati di oggi. Da qui siamo andati ad esplorare altre tappe con viste del Green River che si torcigliava molto lontano sotto di noi. I più memorabili sono stati il Grand View Overlook che aveva alcuni belle formazioni rocciose e una passeggiata di circa una miglia sul bordo, e Shafer Overlook con alcuni panorami bellissimi del canyon.

With time running short in our day, we quickly made our way to Arches National Park.  This became the biggest disappointment of our trip – not because the park was anything but spectacular, but because we only had one hour to explore its beauty!  Entering into the park, up the winding road from the entrance, you understood that you were going someplace very special.  Time, with the effects of water and ice, extreme temperatures, and underground salt movement sculpted the magnificent rock formations which jut out of the ground and surround you.  Over 2000 catalogued arches are found here – the greatest density of natural arches in the entire world.  This is an ever changing landscape as erosion and weather work together to form new arches and to destroy old ones.  We did a few very short hikes to see some of the rock formations like Balanced Rock, but we only were able to view some of the arches from the road as we didn’t have time to hike the distance to see them up close.  One gorgeous area which we explored quickly was called “Park Avenue”.  It was as if you were walking along the streets of New York with the tall skyscrapers looming overhead.  This park is an amazing place and one that I will surely return to in order to explore more of it.

Con il poco tempo che rimaneva del giorno, abbiamo rapidamente fatto una corsa verso Arches National Park. Questo divento` la  più grande delusione del nostro viaggio – non perché il parco è stato tutt’altro che spettacolare, ma perché abbiamo avuto solo un’ora per esplorare la sua bellezza! Entrando nel parco, la strada tortuosa dall’ingresso si dava da capire che stavammo per entrare in un posto molto speciale. Tanti anni, con gli effetti di acqua e ghiaccio, temperature estreme, e il movimento del sale sotterraneo ha scolpito le magnifiche formazioni rocciose che si protendono dalla terra e ti circondano. Più di 2000 archi catalogati si trovano qui – la più grande densità di archi naturali in tutto il mondo. Si tratta di un paesaggio in continuo cambiamento; l’erosione insieme al tempo lavoranno insieme per formare archi nuovi e di distruggere quelli vecchi. Abbiamo fatto alcune escursioni breve per vedere delle formazioni rocciose come Balanced Rock, ma siamo solo stati in grado di visualizzare alcuni degli archi dalla strada perché non abbiamo avuto il tempo di camminare la distanza di vederli da vicino. Una splendida area che abbiamo esplorato in fretta era chiamata “Park Avenue”. Era come se si stava camminando lungo le strade di New York con gli alti grattacieli sopra la testa. Questo parco è un posto incredibile e uno che sicuramente devo tornarci per esplorare di più.

Leaving the park as it was beginning to get dark, we knew we had to find dinner before heading to our Bed and Breakfast in the Valley of the Gods. The possibilities of finding something decent were pretty scarce if we didn’t take the opportunity to stop in Moab.  Am I glad that we did!  We found an amazing restaurant called the Desert Bistro.  It was off the main drag of town and it had an outdoor patio.  The food was delicious – very delicate and made from very fresh ingredients.  A good glass of wine made for a great meal after a busy day.  While eating dinner, we knew that we would be finding our lodging destination for the night in the dark.  This was a bit intimidating since the roads are so dark and there isn’t much in the way of “civilization.”  But we called the proprietors of the B & B and explained our situation.  They gave us the directions and said they would keep the porch light on for us.

Mentre si lasciava il parco cominciava a farsi buio, e sapevamo che si doveva trovare la cena prima di andare al nostro Bed and Breakfast nella Valley of the Gods.  La possibilità di trovare qualcosa di decente era abbastanza scarsa se non si coglieva l’opportunità di fermarsi in Moab. Sono contenta che ci siamo fermati! Abbiamo trovato un ristorante incredibile chiamato Desert Bistro.  Si trovava fuori dalla strada principale della città e aveva un patio esterno. Il cibo era delizioso – molto delicato e preparato con ingredienti freschissimi. Un buon bicchiere di vino era perfetto per un ottimo pasto dopo una giornata intensa. Mentre si cenava, sapevamo che si doveva trovare il nostro alloggio per la notte al buio. Questo è stato un po ‘intimidante perche le strade sono così buie e non c’è molto nel modo di civilizzazione.  Ma abbiamo chiamato i proprietari del B & B e abbiamo spiegato la nostra situazione. Ci hanno dato le indicazioni e hanno detto che tenevano acceso la luce sul portico per noi.

Back in the car, we headed out into the night.  Driving for miles in the dark, and afraid that we would hit a deer or other animal crossing the road, we went slowly and deliberately.  When we finally got near to our destination, we spotted a tiny light flickering off in the distance.  It was the only light around and we looked at each other and said “Maybe that is our porch light?”  Lo and behold, we were correct.  As we got nearer, the light became brighter.  When we finally drove up to our little cabin all by itself away from the main B & B house, we didn’t know what to expect.  We were greeted outside by the sweet owner who showed us to our lodging for the night.  Off the porch was a living room and small bathroom…and at the bottom of a VERY tight spiral staircase, was a stone cellar with our bed!  The king sized bed pretty much filled up the entire room, not leaving any room for suitcases and such.  No worries – we left our things in the living room and make our way carefully down the spiral to our old fashioned bed below.

Tornando in macchina, ci siamo diretti nella notte. Guidando per chilometri nel buio, e con la paura di colpire un cervo o altro animale che attraversava la strada, abbiamo proseguito lentamente e deliberatamente. Quando siamo finalmente arrivati vicino alla nostra destinazione, abbiamo individuato una piccola luce tremolante nella distanza. Era l’unica luce intorno e ci siamo guardati e abbiamo detto: “Forse questa è la nostra luce della veranda?” Ed ecco, siamo stati corretti. Mentre ci si avvicinava, la luce diventava più brillante. Quando finalmente siamo arrivati alla nostra piccola capanna da sola a distanza dalla casa principale del B & B, non sapevamo cosa aspettarci. Siamo stati accolti fuori dalla proprietaria gentile che ci ha mostrato il nostro alloggio per la notte. Subito dentro dal portico era un salotto e un piccolo bagno … e in fondo a una scala a chiocciola molto stretta, era una cantina in sasso con il nostro letto! Il letto matrimoniale praticamente riempiva tutta la stanza, non lasciando alcuno spazio per valigie e altre cose. Nessun problema – abbiamo lasciato le nostre cose in salotto e abbiamo fatto la nostra strada con cautela verso il basso del spirale al nostro letto antico al di sotto.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s